Pasolini, massacro di un poeta.pdf

Pasolini, massacro di un poeta PDF

Il 2 novembre 1975, allIdroscalo di Ostia, si consuma il massacro tribale di uno dei maggiori intellettuali del ventesimo secolo: Pier Paolo Pasolini. Linchiesta di Simona Zecchi riparte proprio da quella sciagurata notte e, con lausilio di prove fotografiche mai emerse sinora, documenti inediti, interviste e testimonianze esclusive, fa tabula rasa dei moventi ufficiali e delle piste finora accreditati, dallomicidio a sfondo sessuale al misterioso Appunto 21 di Petrolio. Come nella Lettera rubata di Edgar Allan Poe, lo schema perfetto che condusse il poeta friulano fra le braccia dei suoi carnefici è sempre stato sotto gli occhi degli inquirenti e, in parte, dellopinione pubblica: un oscuro attentato a pochi passi dallabitazione di Pasolini la cui funzione viene finalmente svelata, un furto di bobine come espediente dai tratti inediti, la presenza di più macchine allIdroscalo e la prova del doppio sormontamento del corpo ormai agonizzante, i testimoni che nessuno ha mai voluto veramente ascoltare, la matrice fascista dellagguato, la direzione dellintelligence nostrana, i tentativi di alcuni giornali di trasformare Pasolini in imputato nello stesso processo che avrebbe dovuto stabilire lidentità dei suoi assassini. Tra le numerose inchieste che hanno cercato di decostruire la gigantesca opera di depistaggio messa in atto già allindomani dellomicidio, «Pasolini, massacro di un poeta» si incarica di dire la verità, tutta la verità.

HERUNTERLADEN

ONLINE LESEN

DATEIGRÖSSE 5.14 MB
ISBN 8868333902
AUTOR Simona Zecchi
DATEINAME Pasolini, massacro di un poeta.pdf
VERöFFENTLICHUNGSDATUM 04/04/2020

Per il sito www.temporeale.info Giuseppe Mallozzi intervista la giornalista Simona Zecchi, autrice del recente libro-inchiesta Pasolini massacro di un poeta (Ponte alle Grazie, 2015) che getta una nuova, inquietante luce sulla morte atroce che Pasolini conobbe all’Idroscalo di Ostia 40 anni fa, nella notte tra il 1^ e il 2 novembre 1975.Un “massacro tribale” lo definisce la Zecchi, che