Gino De Dominicis. The immortal. Catalogo della mostra (Roma, 30 maggio-7 novembre 2010).pdf

Gino De Dominicis. The immortal. Catalogo della mostra (Roma, 30 maggio-7 novembre 2010) PDF

È la prima retrospettiva dedicata allartista, accompagnata da un catalogo che documenta non solo lesposizione ma la sua intera opera. Gino De Dominicis può essere considerato una delle figure più emblematiche e misteriose dellarte italiana del secondo dopoguerra. Un artista per molti aspetti ancora inafferrabile, circondato da un vero e proprio alone leggendario. La mostra curata da Achille Bonito Oliva rappresenta la rara opportunità di poter vedere dal vivo circa cento opere dellartista, selezionate tra le più rilevanti nella sua produzione. Nel catalogo, le opere riprodotte saranno invece oltre 220 insieme ad una selezione ragionata dei suoi numerosi scritti e articoli. Oltre al curatore, altri studiosi di differente formazione ricostruiranno il vasto panorama degli interessi culturali dellartista: il filosofo Massimo Donà, larcheologo Giovanni Pettinato, il matematico Claudio Bartocci, il critico darte Gabriele Guercio, Italo Tomassoni direttore dellAssociazione Amici di Gino De Dominicis e Fabio Sargentini, primo gallerista dellartista.

HERUNTERLADEN

ONLINE LESEN

DATEIGRÖSSE 7.45 MB
ISBN 8837075901
AUTOR A. Bonito Oliva (a cura di)
DATEINAME Gino De Dominicis. The immortal. Catalogo della mostra (Roma, 30 maggio-7 novembre 2010).pdf
VERöFFENTLICHUNGSDATUM 04/06/2020

Lo “scheletrone” di Gino De Dominicis, che dai bastioni del Forte di Belvedere si staglia su Firenze, è senza dubbio l’opera più fotografata di Ytalia.A due settimane dall’inaugurazione della mostra sono già centinaia le foto condivise dai visitatori su Instagram! Al verso: etichetta Claudio Abate, Roma; titolo, data, tiratura e firma al verso su un cartone di supporto: Gino De Dominicis / Lo Zodiaco 1970 / P.A. / Claudio Abate. Bibliografia Achille Bonito Oliva, Gino De Dominicis l'Immortale, catalogo della mostra, Roma, 30 maggio - 7 novembre 2010, Electa, Milano, 2010… Il 4 aprile del 1970 inaugura alla galleria L’attico di Fabio Sargentini la seconda personale di Gino De Dominicis: “Lo Zodiaco”. La mostra è concepita dall’artista come un tableau vivant: i dodici segni zodiacali, rappresentati da manufatti, esseri umani o animali reali (gran parte dei quali vivi) sono disposti a semicerchio e presentati al pubblico per cinque giorni.